catene portacavi – cuscinetti e boccole: oggi parleremo di guide lineari

Le guide lineari sono strutture flessibili, di facile installazione, realizzate in alluminio anodizzato duro per i profili (per garantire il minimo attrito e la massima resistenza all’usura) ed esenti da lubrificazione che le rendono il sistema migliore per lo scorrimento e il rotolamento poiché insensibili allo sporco. Grazie alla loro pulizia sono il prodotto preassemblato perfetto per le applicazioni anche in ambienti puliti, igienici e nel settore alimentare. Non resterete insensibili alla silenziosità, all’elevata velocità e al costo particolarmente economico.

www.igus.it >>>più informazioni

catene portacavi E2 serie R adatte in ambienti con trucioli e polvere

Le catene portacavi E2 serie R sono completamente chiuse ma con coperchi apribili e quindi di facile manutenzione. Sono catene tra le più collaudate e sono adatte per macchine legno, macchine tessili, impianti di zincatura e consigliate da igus® per ambienti con trucioli, polvere e sporcizia e dove è necessaria una protezione dinamica dei cavi anche ad alte velocità.

#catenaportacavi www.igus.it

catena portacavi – Modello E2/000 catena in plastica

Le catene passacavi E2/000 sono adatte per moltissime applicazioni, di facile manutenzione e montaggio, stabili, silenziose e robuste. L’alta resistenza di questa catena portacavi la rende adatta a tutti i contesti e in tutto il mondo le stanno usando in svariate applicazioni: aperte o chiuse, con separatore o traversino, apribile da sinistra o destra, adatta per robot manipolatori e per l’industria medicale.

#catenaportacavi www.igus.it

catena portacavi E2

Non solo catene portacavi, cuscinetti, cavi e boccole…

Lo stato della Carolina del Nord è conosciuto come “la capitale mondiale del mobile”.
Tutto iniziò nel 1890, quando aprirono sei mobilifici in North Carolina. La nostra vettura però, è stata capace di “scovare”, sulla strada per Richmond alcuni di questi mobili decisamente “fuori misura”. Avrà faticato molto a trovarli? Fateci conoscere cosa ne pensate.
www.igus.it.

Innovazioni nel Sud del Brasile

dal diario di Sascha

Il Brasile è uno dei più grandi produttori di prodotti agricoli nel mondo. Ogni anno vengono raccolti milioni di tonnellate di soia, grano, canna da zucchero, etanolo e caffè.

Per questo motivo, sono necessari molti macchinari. igus® aiuta a migliorare le prestazioni delle macchine agricole come voltafieno, seminatrici, trattori, ecc. Soprattutto in applicazioni agricole, occorrono soluzioni in grado di resistere a condizioni difficili, come la sporcizia, urti e carichi di spigolo. L’assenza di lubrificanti e una lunga durata sono ugualmente importanti. E’ per questi vantaggi che i cuscinetti igus® sono la soluzione perfetta per ogni tipo di macchina agricola. (Maggiori informazioni qui: http://www.igus.it/wpck/5156/agriculture?C=IT&L=it).

Kuhn è uno dei leader nella produzione di macchine agricole. La società è stata fondata nel 1828 e conta oggi più di 3000 dipendenti.

Si basano su igus® per le loro macchine irroratrici. Guarda questa intervista per saperne di più:

https://youtu.be/Zxi2CxSC7S4

Abbiamo lasciato Sao Paulo e ci stiamo dirigendo a sud. Lungo la strada, siamo passati da Curitiba. Curitiba ha circa 1,7 milioni di abitanti ed è la più grande città nel sud del Brasile. Curitiba è una delle città della Coppa del Mondo FIFA, dove diversi incontri hanno avuto luogo come per esempio Spagna vs Australia o Ecuador vs Honduras.

Lo stadio, che ha una capacità di 40.000 posti, è dotato di migliaia di sedute che fanno uso di cuscinetti autolubrificanti iglidur® GLW.

Ciascuna delle nuove sedute bianche ha sei cuscinetti igus®, due che assicurano il movimento e quattro per i punti fissi.

iglidur ® GLW è autolubrificante, economico, e indicato per i grossi volumi. Viene usato principalmente in applicazioni con carico statico, dove i cuscinetti si muovono solo di tanto in tanto (per ulteriori informazioni, guardate qui: http://www.igus.it/iPro/iPro_02_0022_0000_ITit.htm?c=IT&l=it).

Le sedute più vecchie stanno per essere sostituite a breve. Nella partita plastica vs metallo, la vincente è la plastica. Abbiamo anche avuto la possibilità di portare in campo la nostra macchina.

Se siete uno dei pochi seguaci in grado di capire portoghese, leggete questo interessante articolo sulla squadra di calcio Atlético Paranaense: http://www.atleticoparanaense.com/site/noticias/detalhe/34937/Carro-da-Igus-que-passar-por-30-pases-esteve-na-Arena.

Prima e dopo le partite, i tifosi hanno potuto rilassarsi presso il vicino giardino botanico.

Da Curitiba ci siamo spostati più a sud, verso Joinville. Joinville, non è sicuramente noto alla maggior parte delle persone, tuttavia è LA città per chi è ama il balletto.

Joinville è sponsorizzata della famosissima Bolshoi Ballet Academy (Mosca).

Qui arrivano studenti provenienti da tutto il Sud America. Una volta che il ballerino ha superato la prova selettiva (vengono accettati 40 su circa 500 candidati), la scuola pagherà vitto e alloggio.

Vi tengo informati!
Il vostro Sascha

iglidur a Rio de Janeiro

dal diario di Sascha

Siamo passati dall’estate all’inverno. Passando da un emisfero all’altro, abbiamo anche cambiato stagione, e quindi teoricamente è inverno anche se non lo si sente per niente, almeno non qui a Rio de Janeiro.

Ci sono circa trenta gradi e la mia faccia è completamente scottata (nonostante la crema protezione 50): le boccole della nostra auto possono resistere al caldo molto meglio di me, e stanno funzionando benissimo, dato che sono progettate proprio per questo. Una delle nostre boccole, iglidur® X, riesce a sopportare ambienti fino a +250°C (in continuo).

Dopo aver raccolto la nostra auto dal centro per l’immatricolazione siamo andati a visitare uno dei nostri amati clienti. Localizzata fuori da Rio troviamo la fabbrica dei sogno di uno dei network TV più grandi di tutto il Sud America. Qui vengono prodotti tutti i pezzi che servono per gli show televisivi e i film delle varie televisioni del network. Per le sedie usate all’interno di uno show che mette in competizione dei cantanti viene usato il nostro iglidur® PRT.
Quattro coach, tutti cantanti affermati, ascoltano i concorrenti con le spalle rivolte al palco, e sono seduti su una sedia rotante che, alla pressione di un bottone, si gira di 180° quando gradiscono quello che sentono.
La nostra ralla assicura un movimento silenzioso e sicuro alle sedie (Nel corso della nostra visita abbiamo potuto vedere solo il meccanismo di base).

Tra gli altri vantaggi di queste ralle, ce n’è uno importante: non necessitano di manutenzione. E così i coach possono apprezzare un sacco di cantanti senza doversi portare dietro dell’olio lubrificante…

Il laboratorio, così come la città, è circondata da montagne.

Una delle cime più famose è il Pao de Acucar (Pan di Zucchero), che si erge per 396 metri sopra il porto.

Se non si vuole scalare la montagna a mani nude c’è una comoda funivia che porta fino in cima, e da cui è possibile ammirare una splendida vista della città (sapevate che iglidur® può migliorare le prestazioni anche per le funicolari? Trovate maggiori informazioni qui: http://blog.igus.de/Blogengine/iglidur_on_tour/post/2014/03/24/Advantages-of-iglidur.aspx#continue).

Dal Pao de Acucar è possibile osservare anche il simbolo più famoso di Rio de Janeiro. La statua del Cristo posizionata sulla cima del monte Corcovado (700 metri di altezza) osserva la città dal 1931.

Inizialmente la statua alta 40 metri doveva essere completata in occasione del centesimo anniversario dall’indipendenza del Brasile dal Portogallo, nel 1922, ma alcuni problemi finanziari hanno causato uno slittamento di nove anni.

Sapevate che esistono più statue di questo tipo? Ad esempio ce n’è una simile a Lisbona.

Abbiamo visitato il monumento al tramonto. I colori del cielo erano stupendi, e la vista incredibile.

All’occhio di un turista che capiti per la prima volta a Rio sono ben evidenti due passioni dei brasiliani: la prima è naturalmente il calcio, e il tutto è moltiplicato dal fatto che in questi giorni qui si svolge la Coppa del Mondo. Un ottimo posto per godersi questa piccola ossessione carioca è la FIFA Fan Fest di Copacabana.

Copacabana è una delle spiagge più famose al mondo. È lunga solo quattro chilometri, ma così ampia che la Fan Fest, uno spazio in grado di contenere migliaia di visitatori, è stata costruita tutta sulla sabbia.

Ma nonostante la grandezza dello spazio, quando gioca il Brasile anche la Fan Fest è troppo piccola, e la festa si estende a tutta la spiaggia.

Alla Fan Fest si può sperimentare anche la seconda grande passione brasiliana, la samba. Nell’intervallo della partita è possibile sentire samba ovunque. Nella foto seguente, ecco la scuola di samba più famosa del Brasile, la Mangueira.

La scuola si trova ai margini della favela Mangueira.

Favela è la parola portoghese per “bassifondi”. Spesso gli abitanti delle favelas sono presentati dai media sotto una luce fuorviante: in genere si tengono in considerazione i criminali che ci abitano. Nel 2010, il governo ha sviluppato un programma piuttosto controverso che vuole eliminare la criminalità da queste zone espellendo le bande, ed aumentando la presenza della polizia.

Rio de Janeiro ha molte facce, ed è davvero una delle città più belle del mondo.
Purtroppo però la dovremo lasciare presto per andare a sud e raggiungere il confine con l’Argentina.
Vi tengo informati!
Il vostro Sascha

Fuoco e ceneri

Quando viaggi per migliaia di chilometri, un sedile comodo è importantissimo, e la posizione di guida deve essere perfetta. Le boccole iglidur® sono di grande aiuto in questo, e molti produttori di sedili per automobili lo sanno e hanno migliorato le performance dei sedili che producono usando i prodotti igus®.

In visita ad un produttore di sedili giapponese che usa boccole iglidur®.

Molti produttori di sedili usano le boccole iglidur® nei meccanismi di regolazione dell’altezza e dell’angolazione dello schienale, nei poggiatesta e nei motori elettrici collegati.

Le boccole iglidur® convincono grazie al loro movimento preciso, e naturalmente le usiamo anche noi sulla nostra piccola auto, per assicurarci aggiustamenti silenziosi della posizione del sedile.I cuscinetti coinvolti in questo tipo di movimento devono essere in grado di sopportare alti carichi statici: con un valore di 100N/mm² le boccole iglidur® possono sostenere anche il lottatore di sumo più pesante al mondo, rimanendo allo stesso tempo leggere (circa sette volte più leggere delle normali boccole in metallo). Sono una soluzione ottima ed economica per qualsiasi tipo di seduta.

Il Giappone è composto da quattro grandi isole, e partendo da Hiroshima abbiamo raggiunto quella a sud di Kyushu.

Kyushu è la terza isola del Giappone in ordine di grandezza, ed è famosa per le sue sorgenti termali. E’ possibile notare ovunque colonne di vapore che si innalzano dal terreno. Non è la prima volta che ci capita di incontrarne: quando eravamo a Taiwan una delle nostre boccole è stata immersa nell’acqua bollente per più di un’ora (se volete vedere il risultato, ecco il video: https://www.youtube.com/watch?v=FsuDpgZZlvc). Le nuvole che potete vedere in lontananza non sono del tipo a cui siamo normalmente abituati, ma provengono dalla profondità delle montagne.

Il gran numero di sorgenti termali è dovuto alla posizione geografica unica del Giappone, che si trova sopra a tre placche tettoniche: quella Pacifica, quella delle Filippine e quella Eurasiatica. Questo purtroppo ha anche alcune conseguenze negative: in Giappone i terremoti sono all’ordine del giorno, così come gli tsunami e le eruzioni vulcaniche. Siamo andati a vedere il vulcano attivo più alto del Giappone, l’Aso, che è circondato da verde grazie alla fertilità della terra vulcanica.

Già in lontananza è possibile vedere delle colonne di fumo.

L’ultima eruzione del monte Aso risale al 2011.

Dal vulcano ci siamo poi spostati nuovamente verso nord, passando vicino a un arcipelago di piccole isole.

Da lì siamo andati direttamente sulla città costiera di Nagoya, viaggiando per 800km.

In Giappone abbiamo già percorso circa 3000km.
Vi terrò aggiornati sui nostri prossimi passi.
Il vostro Sascha.

Dall’Ovest all’Est, e sulle montagne

dal diario di Sascha

I viaggi in montagna possono essere molto impegnativi per un’auto, e una rottura potrebbe essere davvero una bella seccatura. Ecco perché tutto deve funzionare alla perfezione quando ci si trova in quota.

Una parte molto importante dell’auto è il tensionatore della cinghia. Questo serve a mantenere la giusta tensione della cinghia di trasmissione, per garantire un miglior funzionamento dell’alternatore e del servosterzo.
Un nostro cliente di Taipei specialista nei tensionatori, usa i prodotti igus®. Una boccola in iglidur® J montata su un albero supporta un cuscinetto a sfera prodotto su misura. In questo modo il cuscinetto non è sottoposto a eccessive tensioni o ad urti. Prima di scoprire i nostri prodotti, il cliente usava questo cuscinetto in plastica:

Per migliorare le prestazioni di resistenza all’usura anche in oscillazione e ridurre i coefficienti di attrito ha scelto di usare le boccole iglidur® J.

Con la conferenza stampa dello scorso venerdì, abbiamo iniziato ufficialmente il nostro viaggio a Taiwan. Taichung, sede di igus® Taiwan, è stato il primo posto che abbiamo esplorato. Non voglio mostrarvi uno dei numerosi templi che si trovano in tutta Taiwan (devo averne visti almeno 50 nei 200km percorsi fino ad ora), ma qualcosa di molto più particolare. All’estrema periferia di Taichung, vicino alla fabbrica di un nostro cliente che produce sospensioni per bici, è possibile trovare il “villaggio Arcobaleno”.

Molti anni fa un veterano oggi 87enne, conosciuto come “nonno Arcobaleno”, ha cominciato a dipingere i muri del piccolo villaggio semi-abbandonato.

Oggi non solo le porte e i muri delle case sono dipinti, ma anche i pavimenti. Ho provato a chiedergli perchè aveva cominciato a dipingere, ma non ha saputo dirmelo. Deve essere stato un insieme di fattori, come la noia e il tentativo di salvataggio del suo villaggio dalla demolizione, cosa che ha funzionato perfettamente.

Dopo anni di lavoro, il suo villaggio ha ritrovato la vita. In collaborazione con la città di Taichung, il villaggio è diventato famoso come attrazione turistica.

Dal coloratissimo villaggio Arcobaleno siamo andati verso il centro dell’isola, dove si trovano le enormi montagne che dividono Est e Ovest. Per attraversarle è possibile prendere una strada molto famosa, che in alcuni tratti corre a 3200m di altitudine.

L’inizio del viaggio ha visto un clima perfetto, ma man mano che proseguivamo le condizioni sono peggiorate. Abbiamo affrontato una vera e propria tempesta, oltre a pioggia e nebbia. E così abbiamo potuto verificare che iglidur® funziona bene anche in queste condizioni: due delle boccole metalliche originalmente presenti nel tensionatore della cinghia sono state sostituite con le nostre boccole in plastica, che hanno garantito il perfetto funzionamento dell’alternatore anche su una strada difficile come quella su cui ci trovavamo.

Anche le altre 54 boccole presenti sull’auto hanno funzionato bene: dopotutto sono progettate per lavorare in condizioni ben peggiori… Per farla breve, siamo riusciti ad attraversare la montagna sani e salvi.

Quello che mi ha sorpreso, invece, è stato il fatto che anche ad un’altitudine di 3000m tutto era incredibilmente verde.

Le condizioni meteo hanno reso la guida abbastanza complicata, ma dopo alcune ore di curve abbiamo raggiunto la costa est, che nel punto in cui ci trovavamo è molto montagnosa. Piccole città dotate del loro porto sono disseminate tra le pieghe delle colline e delle montagne completamente verdi.La nostra auto vicino ad un banano selvatico

Anche sulla costa la nostra auto ha dovuto resistere a condizioni non ottimali: il meteo da queste parti cambia abbastanza spesso, e mentre un attimo prima il sole può splendere fino a scottare la pelle di un abitante dei paesi del Nord Europa come me, un attimo dopo può apparire una pioggia torrenziale. Il meteo è piuttosto instabile anche perché sta per iniziare la stagione delle piogge.

Nei prossimi post vi racconterò della parte nord di Taiwan. Continuate a seguirmi!
Il vostro Sascha